» Incontri europei » Stefano racconta
 

 

Le prossime preghiere


Iscriviti alla Newsletter


Stefano racconta

 

Ciao a tutti,

mi chiamo Stefano e sono uno dei ragazzi che ha potuto partecipare all’Incontro europeo di Zagabria!Per me è la seconda esperienza di questo genere dopo essere stato l’anno scorso a Milano(ma era davvero troooppo vicino...)!

Quest’anno invece abbiamo sperimentato la difficoltà del viaggio(dodici ore in pullman di notte non lo augurerei a nessuno...), l’arrivare là stanchi e assonnati...ma sapevamo bene che tutta questa fatica sarebbe stata ripagata!

Arrivati finalmente alla parrocchia di riferimento, siamo stati accolti dai giovani di Zagabria, che con volti sorridenti, cordialità e pazienza, insieme a una marea di cose da mangiare e da bere, , ci hanno subito fatto entrare nel clima dell’incontro. Assegnati poi alle famiglie, abbiamo conosciuto quella che, di lì a quattro giorni, avremmo chiamato la nostra “mamma croata”, una persona sulla quarantina, madre di due figli...dirò solo due cose di loro: in quei giorni hanno dormito sul divano per lasciare a noi il LORO letto e ci hanno dato subito le CHIAVI DI CASA!!! Chi di noi o delle nostre famiglie lascerebbe a dei perfetti sconosciuti le chiavi della PROPRIA CASA?Chi lascerebbe il PROPRIO letto per qualcun altro???

Ecco cosa si “sperimenta” in questi incontri, ecco come si concretizzano le parole di Gesù, ecco come si può realmente promuovere un cammino di fiducia sulla terra!!! Oltre a tutte le belle parole che possono riempire le nostre bocche, oltre ai “si dovrebbe...mi piacerebbe...vorrei che...”, ci sono gesti concreti che lasciano fortissimi segnali, che sono in grado di toccarci nell’intimo e ci scuotono dalla nostra staticità!!!

E poi i gruppi di riflessione la mattina, il pranzo e le preghiere comuni a fianco di ortodossi, protestanti, evangelici ecc., ti fa sentire il “senso” di una Chiesa che non è fatta solo da quelle quattro fredde mura alle quali siamo abituati, ma che è formata dall’unione di tutte le persone che vogliono appartenere all’Unico Corpo di Cristo.

Così torni a casa con più domande che risposte, senti che qualcosa in te è cambiato e che qualcosa è stato aggiunto alla tua vita, speri che tutto ciò che hai vissuto in quei pochi giorni sia “utile” e significativo per la tua vita!

ma è solo riscoprendoci e guardandoci dentro ogni giorno che possiamo veramente “crescere”...avendo Lui come modello!!!

Ciao a tutti, al prossimo incontro...Stefano

 
Pubblicato il mercoledì 10 gennaio 2007

 
 
 
Gli altri articoli di questa rubrica :
 
Pubblicato il sabato 25 novembre 2006
Aggiornato il mercoledì 10 gennaio 2007
 
Pubblicato il giovedì 4 gennaio 2007
Aggiornato il mercoledì 10 gennaio 2007
 
Pubblicato il martedì 20 febbraio 2007
 
Homepage     |    Spazi redattori
  Aggiornato il lunedì 12 novembre 2012